“Ridammi le chiavi” in “Un pomeriggio per noia ho comprato una Mustang” – Jolanda Freibush (2007)

Standard

“Prendi le monete dal piattino dell’ingresso,
compra del bicarbonato,
vedrai, archivieremo in fretta anche questa
nuova
stupida ferita.
Ci asciugheremo le mani
schizzando via
le ultime gocce
di risentimento,
saranno i nostri chicchi di riso
fuori dalla chiesa.
Spariranno dal calendario
senza clamore
quelle domeniche di giugno
in cui fingevamo
di partire insieme
per l’Albania,
come contrabbandieri
da salotto,
l’orizzonte misterioso
confinato
dentro il perimetro
gentile
del nostro divano.
Una volta – ricordi? –
dentro qualcuno dei nostri treni immaginari,
incontrammo una finta suora
con un segreto murato dietro la bocca.
Ci sorrise e poi buttò gli occhi
lontano
da qualche parte, in fondo,
oltre il finestrino.
Non potevamo raggiungerli,
quegli occhi,
perché siamo sempre stati
troppo pigri,
troppo sciocchi
e troppo spaventati
per metterci a rincorrere
bulbi oculari
smarriti
al di là di finestrini che
non esistono.
Proprio come adesso
che andando via
non ti preoccupi nemmeno
di chiudere la porta,
né io posso dispiacermi
in fondo
che sia finito
questo sonnambulismo complesso
che ci ostinavamo
a chiamare
amore”

“Ridammi le chiavi” in “Un pomeriggio per noia ho comprato una Mustang” – Jolanda Freibush (2007)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...