“Post-it prolisso”

Standard

“Quando non avremo più voglia di
divorarci a vicenda la faccia,
magari inventeremo qualcosa di meglio
per ingannare l’attesa del prossimo tram.
Per esempio, organizzare una gita a Tegucigalpa,
per poterci dire addio con calma,
per soffiarci ancora
un po’ di poesia
dentro le narici,
prima che inizi lo sciopero generale
e il tumulto del popolo ci impedisca di tornare indietro,
di recuperare dall’asfalto
le perline cadute dalla collanina spezzata
e quel poco di fantasia e incoscienza
che ancora ci resta,
nonostante la data di scadenza
e le scritte troppo piccole del foglietto illustrativo”.

“Post-it prolisso”
Jolanda Freibush.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...