Quaranta Express.

Standard

Così all’improvviso ricominci a scrivere.
E sarebbe interessante se l’esistenza fosse declinabile alla maniera di un film di Méliès, un proiettile nell’occhio della luna insomma, invece di essere solo una fottuta locomotiva lanciata a tutta velocità nel culo dell’universo. Esistevano due scuole di pensiero e l’ebbero vinta quei due gran furbacchioni dei fratelli Lumière. Questa è la verità. La poesia scomparve dal mondo quando il treno arrivò alla stazione di La Ciotat, da quel momento fu un turbinio di disillusioni e disvelamento di bassezze, una cena romantica organizzata dentro il cesso di un autogrill. La poesia si è estinta come un dinosauro. Ma si trattava di un dinosauro enorme, un dinosauro ingombrante, da non poterlo smaltire sotto un tappeto. Perciò la ricordiamo la poesia e la ricordiamo così forte da pensare che ci sia ancora, che esista, che faccia parte di noi, del quotidiano, che ci redima, che ci salvi. Ci aggrappiamo ad un filmino in bianco e nero, a immagini sgranate che vorremmo avessero più verità di cose tangibili come il vomito, la merda, la malattia, il corpo in decomposizione.
Se solo quel treno non ci fosse arrivato addosso, forse le cose avrebbero preso una piega diversa. La mela della conoscenza sarebbe marcita senza assaggio e l’Eden non ci sarebbe scomparso a tradimento da sotto il culo. Lo sapevamo cazzo che si trattava di mera prosa, lo abbiamo sempre saputo, ma avremmo potuto continuare a far finta di niente, a crogiolarci nella filosofia e nell’abuso di sostanze psicotrope. La bellezza è una bugia ben raccontata. Amiamo la musica, la letteratura e l’arte. Invece ci tocca sorbire il telegiornale, il lavoro nero, i conflitti, gli incidenti, lo sfacelo della politica e Barbara D’Urso. Occorre una reazione in tempi brevi. Snudiamo questa maledetta immaginazione, senza tante mistificazioni ideologiche incancrenite e inutili, spolveriamo il ricordo della poesia che abbiamo perduto ma che siamo incapaci di dimenticare del tutto, che coltiviamo in contumacia, irresistibilmente. Oppure, alla peggio, votiamo la nostra vita al colesterolo e all’alchermes. Io dal canto mio di recente ho ripreso a mangiarmi le unghie e ho ricominciato a scrivere per evitare di arrivare ai gomiti. Per qualche mese ho provato a stare nel mondo, tutta concentrata e rappresa in un complicato intreccio di precariato lavorativo e sentimentale. Non volevo immaginare. Volevo un fottuto contratto di lavoro anche solo lontanamente legale, volevo pagare le tasse, imprecare a piacimento senza sensi di colpa e qualcuno nel mondo che fosse lì per me. E’ stata una teoria di giorni a dieta ferrea di fantasia, iniezioni di concretezza e pragmatismo, denti del giudizio, comportarsi da adulti, restare sul binario, trovare la strada, colpi sotto la cintola, tirarsi su, tirarsi su, un complimento, non credere al complimento, ancora giù, incassare, incassare e andare avanti. Poi per alcuni tratti è stato bello. C’erano amici, musica, colori e fiumi di ebbrezza. Ma essere felice comporta una crisi d’astinenza da immaginazione difficile da superare. Così ho ricominciato. Ero incastrata sul sedile di un 40 express che attraversava il versante sud di Piazza Venezia e ho visualizzato una scena. Io, tirata a lucido e sicura di me, le gambe accavallate, le braccia distese lungo i braccioli di una poltroncina dal design moderno, di pelle bianca. Di fronte a me, Alfonso Signorini, pronto ad intervistarmi, lui e i suoi calzini in filo di Scozia a righe colorate. Un fuoco di fila di domande oziose, a cui rispondo in maniera oziosa, con sufficienza. Posso permettermelo. Arriva il gran finale. “Un’ultima domanda, una canzone, che la descriva appieno”. E’ vagamente marzulliano il Signorini della mia immaginazione. Io lo fisso dritto negli occhi e mi sistemo sulla poltroncina con gesti lenti e calcolati prima di rispondere senza esitazione, sicura e ficcante come un dardo di fuoco: “Pungiball di Piji Siciliani, mio caro Alfonso, è ovvio”. La sua faccia ridotta ad una maschera stolida e sconfitta non ha prezzo. Beccati questo, vita.
Il 40 express arriva a destinazione, io scendo facendomi largo tra i giapponesi.
Una grossa palla gialla incombe su Castel Sant’Angelo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...