Cavaturaccioli.

Standard

La iena è un soggetto che se deve scegliere tra dire “cavatappi” o dire “cavaturaccioli” preferisce dire “cavaturaccioli”.

La iena spelacchiata si stiracchia sul divano. La tv è lì davanti che bercia da diverse ore. La iena sorride. Tutto va un pò in vacca dentro la stanza e fuori. Ci sono troppi mondi da tenere a bada.
La iena ha provato a stringere i pugni, ad afferrare le estremità del tutto per evitare che brandelli di qualcosa scappassero fuori incontrollati, ma non serve, il particolare se ne frega della congruenza del tutto, è un brutto bastardo il particolare. Ed ecco che se ne sgusciano via, tutti insieme, briciole e bollicine, pezzi di carta, graffette, stracci, lenzuola, bende, sassolini, polvere, stelle, merda, ogni cosa, se ne va via ogni cosa, fuori dal controllo, ogni cosa.
E la iena sorride. Perché prima ci rimaneva male quando si sentiva strisciare addosso il caos primordiale delle convergenze incontrollabili. Ma poi ha capito. E ha smesso di stringere i pugni. Bisogna mollarle le cocche della tovaglia per una sgrullata come si deve.
La iena non stringe più nulla. Si stravacca sul divano e si gode lo spettacolo.
Sorride.
Ridere non vale il disturbo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...